mercoledì 22 marzo 2017

FURTO DI LAVATRICI NELL'ISOLA ECOLOGICA DI MELARA, UNA CONDANNA

I Carabinieri di Bergantino hanno tratto in arresto, stante la flagranza di reato, un rumeno 49enne residente ad Adria perché aveva forzato il cancello dell’eco-centro di Melara e aveva rubato alcune lavatrici. Alle 10 del mattino di ieri, alcuni operai del Comune di Melara avevano segnalato movimenti sospetti all’interno del locale eco-centro dove vedevano un uomo intento a caricare del materiale su di un furgone. Giungevano immediatamente sul posto i Carabinieri di Bergantino e una pattuglia della Polizia Locale del Polesine Superiore ed accertavano che il cancello era stato forzato rompendone il lucchetto. All’interno vi era ancora M.C.,intento a caricare sul suo furgone alcune lavatrici stoccate nell’isola ecologica: probabilmente che gli sarebbero servite per recuperate il materiale ferroso da rivendere successivamente. L’uomo veniva tratto in arresto per furto aggravato e posizionato agli arresti domiciliari in attesa della direttissima che si è celebrata nella tarda mattina di oggi con il patteggiamento e la successiva condanna ad un anno e sei mesi di reclusione nonché una multa di 250 Euro. La pena veniva sospesa e lo stesso veniva rimesso in libertà all’esito del processo.

DOMANI LE FASI PROVINCIALI DEI CAMPIONATI STUDENTESCHI DEL CONI


immagine di PolesineSport

Il mondo scolastico torna in gara grazie ai campionati studenteschi. Dopo la corsa campestre lo scorso 30 novembre a Lama Polesine e la fase provinciale di nuoto disputata il 15 marzo al Polo Natatorio di Rovigo, il calendario degli appuntamenti primaverili sta per entrare nel vivo. Tante le adesioni degli istituti del territorio arrivate all’Ufficio Scolastico Provinciale, che come sempre gestisce l’organizzazione di ogni appuntamento attraverso l’Ufficio Educazione fisica e Sport. A riaprire le danze è il calcio a 5: domani, 23 marzo 2017, agli impianti sportivi del Circolo Tennis Tre Martiri di Rovigo si assegneranno i titoli provinciali per le categorie Cadetti, Allievi e Juniores maschile. Dalle 8.15 si daranno battaglia le selezioni di molte scuole medie e istituti superiori del Polesine. Per la categoria Cadetti scenderanno in campo le medie di Polesella, Pontecchio, Lendinara, Badia Polesine, Lusia, Castelmassa, “Riccoboni” Rovigo e “Casalini” Rovigo. Queste invece le formazioni iscritte al torneo Allievi: “E. Bari” Badia Polesine, Itis “Viola-Marchesini” Rovigo, Itg “Bernini” Rovigo, liceo “Paleocapa” Rovigo, Itc “Colombo” Porto Viro. Negli Juniores sarà una questione tra liceo “Celio-Roccati” Rovigo, “E. Bari” Badia Polesine, Itis “Viola-Marchesini” Rovigo, liceo “Paleocapa” Rovigo, Itc “Colombo” Porto Viro e Itg “Bernini” Rovigo. Per i tornei Cadetti e Juniores maschili si è optato per la formula a due gironi da quattro squadre l’uno, mentre gli Allievi gareggeranno in girone unico. Premiazioni previste a partire dalle 12.30 dopo gli incontri di finale. Come successo nel 2016 con l’atletica leggera, a Rovigo sono state assegnate anche quest’anno alcune fasi regionali dei Campionati studenteschi. Il nuoto tornerà infatti protagonista il 29 marzo, giorno in cui a l Polo Natatorio di viale Porta Po si sfideranno i vincitori dei titoli provinciali Cadetti e Allievi. Per le scuole secondarie di primo grado gareggeranno i nati nel 2003 e 2004, per le secondarie di secondo grado i nati nel 2000, 2001, 2002 e 2003. Nel corso della mattinata sono previste anche gare dedi cate a studenti con disabilità. Ma non finisce qui. Il capoluogo polesano ospiterà anche la fase regionale dei Campionati studenteschi di rugby per le categorie Cadetti/e e Allievi/e; la data da segnare in agenda è il 21 aprile 2017.

A BADIA POLESINE ARRESTATO LATITANTE: DOVEVA SCONTARE NOVE MESI DI CARCERE A GENOVA

I carabinieri della stazione di Badia Polesine ieri pomeriggio, nel corso di un servizio perlustrativo, lungo la Riviera Giovanni Miani hanno notato un individuo sospetto, risolvendosi a controllarlo. Dall'interrogazione alla banca dati emergeva che nei confronti dell'uomo, un 28enne rumeno senza fissa dimora, pendeva un ordine di carcerazione emesso nel 2014 dalla Procura di Genova, dovendo egli scontare nove mesi di reclusione per reati contro il patrimonio commessi nel capoluogo ligure. Il ricercato veniva quindi tratto in arresto e accompagnato in carcere.

FURTO ALLE SCUOLE ELEMENTARI DI MELARA

Alle ore 12.50 di oggi sono intervenuti i carabinieri alle scuole elementari di Melara perchè è stato rilevato che ignoti hanno forzato il cassetto portamonete del distributore automatico di bevande, prelevandone il contenuto pari a soli circa 20 euro. Sono in corso le indagini per risalire agli autori: nonostante l'esiguità dell'ammontare, la circostanza mette in ambasce i genitori data la specificità della location dov'è avvenuto il misfatto.

FORMAZIONE E PARI OPPORTUNITÀ A GORINO SULLAM

“Learning Week: pari opportunità nel mondo che cambia” è un percorso formativo innovativo e gratuito rivolto a donne occupate e/o disoccupate residenti in Veneto, che verrà svolto in forma residenziale nel Rifugio Natura Delta Po di Gorino Sullam dal 27 marzo al 3 aprile. Sette donne in cerca di occupazione affronteranno un percorso di formazione di quaranta ore, durante la quale si susseguiranno una serie di “esperienze” guidate da coach e formatori esperti, che le aiuteranno a sviluppare la comunicazione interpersonale, a trovare le proprie competenze trasversali nelle mansioni quotidiane, a gestire conflitti e a lavorare in team. “Learning Week” fa parte del progetto #NoGenderGap, approvato con DGR 570 del 17/05/2016, organizzato da FormaT – Formazione Tecnica e il suo partner AttivaMente Coop Sociale, volto a sviluppare le competenze trasversali delle partecipanti. Un’occasione da non perdere per le donne in cerca di occupazione e per quelle che pur avendone già una, vogliano migliorarsi e mettersi in gioco. La location del Rifugio di Gorino Sullam è stata scelta appositamente, poiché si adatta perfettamente al metodo “esperenziale” adottato dai formatori, ossia quello di proporre una serie di attività sia indoor che outdoor, in un luogo come il Delta del Po che offre la serenità e l’ambiente ideale per staccare dal quotidiano e focalizzare l’attenzione sull’impegno formativo. Un’occasione anche per scoprire un territorio che merita di essere visto e apprezzato nella sua unicità. È previsto un secondo turno a settembre 2017. Le interessate potranno iscriversi mandando il proprio curriculum vitae a Format: info@formazionetecnica.it scrivendo nell’oggetto: “Learning Week” o chiamando il numero 041 5350276.

martedì 21 marzo 2017

GIOVANNI RICCI E GIORGIO BALZONI RACCONTANO ALDO MORO A LOREO


Giovanni Ricci

L'Associazione Nazionale Carabinieri - sezione di Porto Viro Delta Po ha organizzato, in azione sinergica con l'associazione Domenico Ricci e gli istituti comprensivi di Loreo e Taglio di Po, una lezione di storia contemporanea intitolata "Aldo Moro il professore". A relazionare al teatro parrocchiale di Loreo nella mattinata del 5 aprile saranno Giorgio Balzoni, amico dello statista, e Giovanni Ricci, figlio dell'appuntato dei carabinieri Domenico, l'autista della scorta di Aldo Moro morto nella strage di via Fani il 16 marzo 1978. «Si tratta di una iniziativa culturale promossa nell'ambito del progetto "buone azioni" -spiega il presidente dell'ANC Gianfranco Bressan- rivolta agli studenti delle scuole medie di Rosolina, Loreo e Taglio di Po con lo scopo di far conoscere agli studenti chi era Aldo Moro attraverso chi l'ha conosciuto». Aggiunge Balzoni: «Aldo Moro era un uomo straordinario in grado di darti le indicazioni giuste, di insegnarti l'importanza dell'etica e della morale. Io credo di essere stato plasmato da Aldo Moro come professore, perchè dopo gli studi universitari e durante la mia carriera facevo sempre riferimento a lui, anche nelle decisioni più importanti». Conclude Ricci: «Da anni ho intrapreso il percorso della memoria nelle scuole parlando degli uomini caduti durante gli anni di piombo e parlando di Aldo Moro come statista e uomo politico, slegandolo alla triste immagine dei 55 giorni di prigionia prima del ritrovamento del suo cadavere, avvenuto il 9 maggio 1978, per opera della mano armata delle Brigate Rosse. A cento anni dalla sua nascita, vogliamo raccontare ai ragazzi lo statista, il padre della nostra Costituzione e l'artefice di tante conquiste sociali importanti: tra queste, la scuola che apriva le medie alle ragazze e garantiva l'accesso all'università veramente a tutta la popolazione».

lunedì 20 marzo 2017

GIOBBE COVATTA ED ENZO IACCHETTI VENERDÌ 24 MARZO IN TEATRO A LENDINARA

Dopo un’impressionante serie di teatri esauriti nella tournée dello scorso anno, lo spettacolo "Matti da slegare" approda venerdì 24 marzo (ore 21) al teatro Ballarin di Lendinara come ultimo appuntamento della stagione 2016/17. A raccontare la vicenda dei “matti” Giovanni e Elia e il loro percorso di reinserimento nella società saranno Giobbe Covatta e Enzo Iacchetti -sul palco- e Gioele Dix (alla regia), ovvero tre dei più apprezzati, riconoscibili, simpatici e popolari personaggi della scena italiana. Grazie all’interpretazione divertente, credibile, a tratti persino commovente, e alla regia attenta e leggera, lo spettacolo si dipana fresco e ironico, mai intaccato, nonostante il tema sensibile trattato –la malattia mentale– da tentativi di patetismo o retorica. Protagonisti della storia Elia (Iacchetti) e Giovanni (Covatta), divenuti amici inseparabili dopo una lunga esperienza in una struttura psichiatrica protetta. “Promossi” al termine del percorso terapeutico, vengono mandati dal sistema sanitario a vivere da soli in un appartamento nel centro della città. Si tratta di un esperimento e di una prova molto importante: dovranno provare a inserirsi nella società civile e dimostrare di saper badare a se stessi. Tratto dalla commedia Elling & Kjell Bjarne del norvegese Axel Hellstenius (cui fu ispirato nel 2001 il film Elling diretto da Petter Næss, candidato all’Oscar come migliore film straniero 2002), lo spettacolo racconta il percorso tortuoso, complicato ed esaltante che condurrà i due “matti” a slegarsi dai tanti fantasmi piccoli e grandi che li hanno resi infelici per gran parte della loro vita. Si chiude così in bellezza, con tre grandi interpreti della più arguta comicità italiana, un percorso che ha accompagnato Lendinara da novembre a marzo. I biglietti costano 22 euro (intero), 17 euro (ridotto) e 11 euro (studenti), disponibili in prevendita alla biblioteca comunale nei giorni di mercoledì e venerdì con orario 16-19, oltre che il giorno dello spettacolo direttamente al teatro Ballarin da due ore prima dell'inizio.